GERRY'S CORNER – GERARD BUTLER: sito italiano non ufficiale

Gerry's Corner - Gerard Butler sito italiano

Biografia

Gerard James Butler nasce a Glasgow (Scozia) il 13 Novembre 1969 da Margaret ed Edward Butler. Ultimo di tre figli, trascorre i primissimi mesi della sua vita a Montreal (Canada) dove la famiglia si trasferisce, seguendo il padre che tenta di stabilire lì la sua attività di allibratore. I suoi progetti però non hanno successo, e i disagi dovuti al trasferimento sommati ai problemi finanziari portano alla separazione dei genitori dopo soli 18 mesi dal loro arrivo in Canada. Quindi all’età di circa 2 anni, lui, il fratello Brian e la sorella Lynn tornano con la madre a Paisley, nei pressi di Glasgow. Cresce in una famiglia cattolica (ha infatti origini irlandesi) della classe operaia e non ha più contatti con il padre fino ai 16 anni, quando torna brevemente in Scozia per rivedere i figli. Dopo quel primo incontro, poco alla volta il legame si rinsalda, ma sfortunatamente il padre muore appena sei anni dopo consumato dal cancro. Nelle interviste Gerard parla apertamente e con una schiettezza spesso disarmante di come è stato per lui vivere senza un padre, delle emozioni provate nel rivederlo dopo anni e nel perderlo di nuovo, definitivamente.


FORMAZIONE

Appassionato di recitazione fin da bambino, Gerard debutta a 12 anni sul palcoscenico del famoso “Kings Theatre” di Glasgow, in “Oliver”. A 12 anni ha già deciso di diventare un attore professionista e si iscrive ai corsi estivi di recitazione dello “Scottish Youth Theatre”, a Livingstone. Ma nonostante sia tra gli allievi più promettenti, i suoi famigliari lo dissuadono dal proseguire gli studi di recitazione. Di conseguenza, studia legge alla Glasgow University, in cui diventa il Presidente della Società Studentesca di Legge. Nonostante gli studi si concludano in maniera brillante, laureandosi con lode, ed inizi a fare pratica in un prestigioso studio legale di Edimburgo, Gerard si rende conto che quella non è la vita che desidera. Ne conseguono pesanti conflitti che lo portano ad una vita sregolata e all’abuso di alcol al punto di venire licenziato dallo studio due settimane prima della conclusione del periodo di praticantato. Come lui stesso ammette, il licenziamento gli ha offerto l’occasione di seguire il proprio istinto e riprendere in mano la propria vita.

CARRIERA

Si trasferisce perciò a Londra per realizzare il suo sogno, quello di diventare attore, e, per raggiungere l’intento, prende l’importante decisione di smettere di bere. Il primo ingaggio lo ottiene grazie all’incontro con il regista Steven Berkoff, che gli offre una parte nello spettacolo teatrale “Coriolanus” al Mermaid Theatre.
Nel 1996 non ha ancora un agente, ma si presenta a un’audizione che gli vale la parte di Renton, il personaggio di “Trainspotting”, che nell’edizione cinematografia è interpretato da Ewan McGregor, nell’acclamata produzione teatrale diretta da Harry Gibson, con cui arriva sulle scene del Festival di Edimburgo.

Il suo esordio sul grande schermo, invece, è con l’acclamato film “Mrs Brown (La Mia Regina)”, di John Madden accanto al premio Oscar® Judy Dench. Durante le riprese del film, in Scozia, Gerard salva dall’annegamento un giovane che nuota nelle acque del fiume Tay e per il suo gesto eroico riceve un “Certificate of Bravery” (certificato di coraggio) dalla Royal Humane Society.

Negli anni successivi si succedono parti più o meno importanti in film e serie Tv, come “Fast Food” di Stuart Suggs, “Little White Lies” (mini-serie drammatica della BBC) diretta da Philippe Saville, “The Cherry Orchard (Il Giardino dei Ciliegi)” trasposizione cinematografica dell’opera teatrale di Čechov accanto a Charlotte Rampling, “Lucy Sullivan Is Getting Married” serie diretta da Sarah Gellings e Brian Grant e “One More Kiss” per la regia di Vadim Jean.

Nel 1998 ritorna a teatro con “Snatch”, commedia diretta da Polly Teale, per poi continuare a lavorare nel West End londinese nel 1999, interpretando il ruolo del Dottor Cuckrowicz in “Suddenly, Last Summer (Improvvisamente l’Estate Scorsa)” di Tennessee Williams, accanto a Rachel Weisz, per la regia di Sean Mathias.

Successivamente lavora in “Harrison’s Flowers” di Eli Chouraqui con Andie McDowell e Adrien Brody e in “Shooters” per la regia di Colin Teague.

Una svolta cruciale nella carriera di Gerard avviene nel 2000, quando interpreta due ruoli che lo vedono protagonista. Il primo è Attila nella miniserie televisiva americana “Attila The Hun”, il secondo è Dracula. Infatti mentre le riprese di Attila sono ancora in corso, inizia il casting di “Dracula 2000 (Dracula’s Legacy – Il Fascino Del Male)”, film prodotto da Wes Craven, parte per la quale era richiesto un nome noto. Per questo motivo Gerard, ancora pressoché sconosciuto, non è tenuto inizialmente in considerazione. E’ la sua tenacia a convincere i produttori e a fargli ottenere la parte del Dracula contemporaneo, accanto a Christopher Plummer.

Nel Dicembre del 2001 vince lo “Spirit of Scotland Award” per il Cinema. E’ il suo primo riconoscimento ufficiale, ed è ovviamente orgoglioso che sia proprio un premio scozzese.

Nel 2002 l’attore si divide tra le riprese del film “Reign Of Fire (Il Regno del Fuoco)” girato in Irlanda accanto a Christian Bale e Matthew McConaughey, e quelle di “The Jury” mini-serie drammatica in 6 puntate, girata a Londra e diretta da Peter Morgan, che venne trasmessa dalla ITV nel febbraio del 2002.

Seguono nel 2003 “Lara Croft Tomb Raider – The Cradle Of Life” accanto ad Angelina Jolie e “Timeline” di Richard Donner, tratto da un romanzo di Michael Crichton.

Altro punto cruciale della carriere è nel 2004, con “The Phantom Of The Opera (Il Fantasma dell’Opera)” di Joel Schumacher, adattamento cinematografico dell’omonimo musical di Andrew Lloyd Webber, dove Gerard da prova di tutto il suo talento recitativo e canoro, grazie alla superba interpretazione del Fantasma del titolo. Per questo ruolo sono in lizza numerosi nomi famosi, ma Schumacher, che aveva lo visto in “Dracula 2000”, lo chiama per un provino. Gerard, che non aveva alcuna esperienza nel canto se non una breve parentesi come cantate nella rock band “Speed” ai tempi del praticantato ad Edimburgo, inizia Immediatamente a prendere lezioni, e all’audizione sia Schumacher che Lloyd Webber rimangono impressionati dalla sua performance decidendo così di offrirgli la parte.

Nel Luglio 2005 abbiamo avuto occasione di vederlo dal vivo all’Ischia Global Fest ospite dell’evento anche l’anno per la presentazione, in anteprima italiana, del film di Shona Auerbach “Dear Frankie” accanto a Emily Mortimer. Il film precedentemente presentato al Festival del Cinema di Cannes, ha riscosso grande successo di critica. Ospite della manifestazione della nostra splendida isola per ben tre volte, la prima solo l’anno precedente (2004) per ritirare il premio “Miglior Attore Emergente”, l’ultima l’estate scorsa (2011) per ricevere un altro premio, questa volta per “Attore dell’anno”.

Sempre nel 2005 vediamo uscire nelle sale “The Game of Their Lives (In Campo Per La Vittoria)” diretto da David Anspaugh, interpretato anche da Wes Bentley e “Beowulf and Grendel” di Sturla Gunnarsson. Legato a quest’ultimo film, il bellissimo documentario “Wrath of Gods” che racconta le numerose difficoltà incontrate durante le faticose riprese in Islanda.

Ma è nel 2007, con il ruolo di Leonida, coraggioso re di Sparta, in “300” che Gerard ottiene un enorme risalto internazionale. Il film è la versione cinematografica dell’omonimo romanzo a fumetti di Frank Miller, basato sulla famosa battaglia delle Termopili. Sebbene la critica sia stata discordante, il pubblico lo ha accolto con entusiasmo, infatti il film ha incassato più di 450 milioni di dollari in tutto il mondo, diventando un vero cult.

Sempre nel 2007 lo vediamo impegnato nella commedia romantica “P.S. I Love You” nella parte del defunto marito di Hilary Swank. Proprio durante le riprese del film vince la sua battaglia contro il fumo, probabilmente anche per il fatto che il suo personaggio muore di cancro proprio come è successo a suo padre nella realtà. Infatti per molti anni ha cercato costantemente di smettere di fumare usando metodi tradizionali come l’utilizzo dei cerotti alla nicotina, passando a quelli più stravaganti come le sedute ipnotiche o quelle al laser, tentativi che, inutile dire, sono tutti miseramente falliti.
Dello stesso anno anche il thriller “Butterfly On a Wheel (Shattered – Gioco Mortale)” con Pierce Brosnan e Maria Bello.

Nel 2008 invece, lavora nel film fantastico “Nim’s Island (Alla ricerca dell’isola di Nim)” con Jodie Foster e la piccola, ma bravissima, Abigail Breslin e in “RocknRolla” ganster-movie splendidamente diretto da Guy Ritchie, tornato al gusto pulp delle origini di “Lock & Stock” e “Snatch”.

Nel 2009 lo troviamo nella commedia romantica “The Ugly Truth”, nel fantascientifico “Gamer” e nel thriller “Law Abiding Citizen (Giustizia Privata)” con Jamie Foxx, primo film prodotto dalla sua casa di produzione “Evil Twins Entertainment” fondata con il suo manager Alan Siegel nel 2008. A causa di problemi di quasi omonimia con un’altra casa di produzione dal nome “Evil Twin Productions”, nel 2011 decidono di rinominare la società e di chiamarla “Gerard Butler Alan Siegel Entertainment”.

Continuando sul fronte cinematografico, nel 2010 è protagonista con Jennifer Aniston di “The Bounty Hunter (Il Cacciatore di Ex)”, mentre in “How to Train Your Dragon (Dragon Trainer)” presta la sua voce al personaggio Stoick The Vast, capo di un villaggio vichingo, in quello che è stato definito il più bel lungometraggio animato finora uscito della DreamWorks.

Girati lo scorso anno e di prossima uscita ci sono “Coriolanus”, “Machine Gun Preacher” e “Playing The Field”.

“Coriolanus” è il film d’esordio alla regia di Ralph Fiennes, e vede Gerard nei panni del generale Tullus Aufidius. Il film è una rivisitazione in chiave moderna dell’opera teatrale di William Shakespeare ed è stato presentato al 61° “Berlin International Film Festival” ed al 36° “Toronto International Film Festival” riscuotendo critiche entusiastiche. Sarà nelle sale americane il 13 Gennaio 2012 e in quelle inglesi il successivo 20.

“Machine Gun Preacher” è diretto da Marc Foster ed è tratto da una storia vera, quella di Sam Childers ex spacciatore di droga che trova la via della redenzione salvando i bambini del Sudan che altrimenti sarebbero reclutati come baby-soldati. Anche questo film è stato presentato al 36° “Toronto International Film Festival”, ricevendo altrettanti positivi consensi, compresa l’interpretazione di Gerard. È uscito nelle sale americane il 23 Settembre in distribuzione limitata a Los Angeles e New York, mentre uscirà nelle sale inglesi il prossimo 2 Novembre.

“Playing The Field” invece vede alla regia in nostro connazionale Gabriele Muccino. Il film è una commedia ambientata nella ricca ed annoiata provincia americana, dove Gerard interpreta la parte di un famoso ex calciatore che tenta di ristabilire un rapporto con la ex moglie ed il figlio, diventando l’allenatore della sua squadra di calcio. L’uscita nelle sale americane è prevista per il 9 Marzo 2012.

Nessuno di questi tre film ha ancora una data di uscita italiana.

PROGETTI FUTURI

Tra i progetti futuri troviamo “Of Men And Mavericks” le cui riprese sono appena iniziate a Santa Cruz (California), che vede Gerard impegnato nella parte del mentore e allenatore di Jay Moriarity, campione di surf morto prematuramente all’età di 22 anni.
Per il 2014 è prevista l’uscita di “How to Train Your Dragon 2” dove Gerard darà nuovamente voce al vichingo Stoick.
Infine “Movie 43”, film già completato, di cui si sa ancora molto poco se non che è una serie di episodi comico-demenziali, che vede protagonisti un gran numero di star hollywoodiane tra cui Kate Winslet e Hugh Jackman.

[Fonti: IMDB, Wikipedia, Kataweb, Coming Soon, My Movies, interviste varie – © Gerry’s Corner – aggiornamento: Ottobre 2011]